E

Ecce due rivestimento zona notte

Eccomi con il nuovo racconto di Feel Home, settimana scorsa vi ho raccontato della scelta dei rivestimenti per la cucina e la zona living. Prima ancora vi ho parlato dei rivestimenti dei bagni, oggi invece vi voglio raccontare di come ho deciso di rivestire la zona notte. Per come sarà organizzata la nuova casa la zona notte è formata dalle due camere da letto, la mia e quella studio/ ospiti. Voi che rivestimento avreste fatto?

Inizio darvi qualche indizio. I rivestimenti dei bagni sono in differenti tonalità del grigio, quelli della zona giorno sono in Dekton che ricorda il cemento, pertanto dopo una attenta riflessione abbiamo deciso che volevamo anche la zona notte nella tonalità del grigio.

Il grigio ci permetterà di mantenere una certa neutralità di base e di conseguenza potremo spaziare sui colori delle pareti e con il resto del decoro, mobili e complementi.

Vediamo un po’, la zona notte dovrebbe essere confortevole, comoda, dare anche un senso di protezione e di calore. Tutti elementi che fanno pensare ad un solo materiale…. Sì, avete immaginato bene! Abbiamo deciso di fare il rivestimento delle camere in parquet. Ho sempre avuto nelle varie case precedenti questo materiale come pavimento. Nell’ultima casa era stato rivestito tutto l’appartamento con il legno. Questa volta, inizialmente, avevo pensato non utilizzarlo più, poi alla fine ho ceduto al fascino del legno.

La scelta difficile è stata quella della essenza del legno, del colore, della finitura e della tipologia di posatura. La più facile è stata la tipologia di posatura: listoni della larghezza di 12cm lunghe che saranno posate in senso longitudinale. La finitura sarà piuttosto liscia non troppo venata… Avevo visto delle finiture pazzesche e particolari ma che avrebbero subito troppo le mode oppure non si addicevano alla dimensione degli spazi.

La tipologia di essenza del legno è stata la scelta più difficile… Dopo una attenta analisi di quello che ci piaceva e le varie consultazioni abbiamo optato per un rovere. Quando pensate al rovere immagino che vi venga in mente il rovere chiaro o soprattutto quello sbiancato. Invece no, il rovere può essere usato al naturale o trattato in moltissimi modi differenti con colori diversi per ogni esigenza. E come vi abbiamo anticipato abbiamo optato per un rovere naturale con una finitura con all’interno i toni del grigio…. Abbiamo fatto questa scelta dopo aver visto il catalogo della Berti e la personalizzazione che abbiamo potuto realizzare, quasi come un vestito su misura. Quando sarà posato potrete vedere le varie immagini.

Vi aspetto settimana prossima per il prossimo racconto e forse potrei stupirvi con la scelta della cucina.

Vi state iscrivendo al mio canale YouTube? Se non lo avete ancora fatto cliccate qui.

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *