E

Ecce quattro, climatizzazione della casa sì o no…

Durante la progettazione abbiamo valutato la realizzazione della climatizzazione dell’appartamento. La casa, essendo in un condominio anni 50′, come tutte le case di quell’epoca, è dotata di un impianto di riscaldamento centralizzato già adeguato alla normativa vigente. Pertanto la riflessione è stata posta su un eventuale impianto di climatizzazione per l’estate.

Durante la progettazione però abbiamo fatto anche la riflessione per il periodo pre accensione del riscaldamento e il periodo post spegnimento, quando in entrambi questi momenti dell’anno a volte in casa fa freddo perchè le temperature esterne non permettono di riscaldare in modo naturale la casa. Di conseguenza ho deciso di dotare l’impianto di climatizzazione anche della pompa di calore. Così nei periodi di bisogno avremo lo stesso il giusto “calduccio” in casa.

In questa fase poi è partito il dilemma split o impianto centralizzato con canalizzazione? La scelta è stata pressochè immediata per me, visto che la ristrutturazione della nuova casa è importante si è deciso per un impianto canalizzato.

Iniziano le passioni, ovvero la verifica che la scelta fatta fosse effettivamente possibile e con dei costi di realizzazione non troppo esagerati. Ok, passato questo step siamo partiti.

Il progetto ha previsto, di conseguenza, un ribassamento importante di tutto il corridoio per permettere il corretto alloggiamento delle bocchette di aerazione.

Abbiamo valutato poi se mettere la bocchetta in cucina oppure no, avevamo paura che gli odori della cucina sarebbero stati veicolati in tutta la casa, ma con un piccolo riciclo grazie alla canna fumaria della cappa questo potenziale problema è stato prevenuto.

Da qui si sono aperti due nuovi problemi: dove alloggiare il motore interno e quello esterno con i relativi scarichi, per fortuna ribassando anche lo sgabuzzino un problema è stato risolto, mentre per risolvere anche il secondo inconveniente abbiamo fatto una struttura di semi-ribassamento anche nello studio che ci ha permesso di ricavare un alloggiamento per dei faretti per la libreria.

Di fatto abbiamo trasformato dei problemi in scelte vincenti ed io ho scongiurato il problema di avere degli split ai muri.

Nei prossimi giorni faremo il primo collaudo dell’impianto e speriamo che vada tutto bene.

Vi siete iscritti al mio canale di You Tube? Cliccate qui.

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *