G

Gelo di pompelmo rosso ricetta

Il dolce di oggi nasce dalla tradizione e si prepara in inverno. Ho realizzato la variante agli agrumi del gelo. Questo è con pompelmo rosso. La ricetta originale è fatta con l’anguria o “melone” come viene chiamato in Sicilia. La variante agli agrumi non si sa esattamente che origini abbia, potrebbe essere un tramando della tradizione contadina o addirittura dagli arabi. Nella pasticceria moderna questo dolce ha avuto trasformazioni e contaminazioni con moltissime varianti. L’utilizzo della cannella è opzionale in alcune ricette lo si ritrova in altre no. Questo dolce è senza glutine perché non utilizza farina ed è perfetto per tutti compresi i vegani. Provatelo in questa versione al pompelmo rosso e vedrete che bontà.

Per la mise en place piatti da dessert, cucchiaini da dolce di Sambonet e lastra di posa Dekton by Cosentino.

Ricetta per Gelo di pompelmo rosso

  • Porzioni: 3/4
  • Problema: facile
  • Stampa

ingredienti

  • 500ml di succo di pompelmo rosa (4 o 5 pompelmi)
  • 150g di zucchero
  • 40g di amido di mais
  • 1 cucchiaino di cannella (opzionale)
  • QB di granella di pistacchi

Istruzioni

  1. Tagliate e spremete i pompelmi.
  2. Filtrate bene il succo ottenuto.
  3. In pentolino mescolate il succo puro con zucchero ed amido di mais aggiungendo prima un poco di succo e poi tutto il resto. Se volete alla fine aggiungete anche un cucchiaino di cannella.
  4. Mettete sul fuoco e portate a bollore mescolando bene. Lasciate bollire per circa 3 minuti sino a quando non si addenserà bene.
  5. Versate il gelo in stampi o in bicchieri di vetro e lasciatelo raffreddare.
  6. Fate riposare e raffreddare il gelo in frigorifero per almeno 5 o 6 ore (una notte intera sarebbe l’ideale).
  7. Se avete utilizzato uno stampo mettete il gelo in congelatore per almeno 30 minuti e poi sformatelo.
  8. Sia con stampo che in coppa di vetro decorate il dolce con granella di pistacchi.

Nota:Potete usare anche l’amido di riso al posto di quello di mais.

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *