S

Spiedini alla acqua pazza ricetta

L’acqua pazza è una tipica cottura del pesce di medie dimensioni della cucina napoletana che è stata poi sdoganata anche con altri ingredienti. Carne e talvolta anche primi piatti di pasta. Facendo parecchi ricerche ho trovato che l’aglio si può aggiungere intero o in pezzetti oppure per quei palati a cui l’aglio non piace può essere utilizzato anche lo scalogno che ha un sapore più dolce e meno persistente. Ecco fatto che nasce questa ricetta semplice, adatta anche ai principianti, che sposa le luganeghe di pollo e tacchino che sono diventate degli spiedini insieme a dei pomodorini. Semplici, velocissimi da preparare perchè poi ci penserà il forno a cuocere il tutto e possiamo sederci comodi sul divano oppure farci una bella doccia calda per cancellare le fatiche e le tensioni della giornata. L’idea o il tocco in più di questa ricetta è quella di servirla su delle fette di pane di segale molto compatto, quello per intenderci dei crostini. Questo tipo di pane può assorbire bene il sugo della cottura, i pomodorini un poco umidi e gli spiedini. Due per persona. Trovate la ricetta anche sul sito Le Idee di AIA cliccando qui.

Per la mise en place taglia di Emile Henry.

Ricetta per Spiedini all'acqua pazza

  • Porzioni: 4
  • Problema: facile
  • Stampa

ingredienti

Istruzioni

  1. Tagliate ogni luganega in 4 parti e formate uno spiedino alternandolo con un pomodorino per ogni tocco di luganega (3 pomodorini per spiedino).
  2. Tagliate in 4 il resto dei pomodorini. Tagliate a tocchetti gli scalogni.
  3. In una taglia da forno riponete gli spiedini. Poi i pomodorini e lo scalogno.
  4. Aggiustate di sale e di pepe. Versate l’olio e l’acqua.
  5. Cuocete a forno caldo a 190°C per circa 30 minuti.
  6. Servite gli spiedini con un poco di intingolo su fette di pane di segale.

Nota: Nessuna.

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *